LimeWire, il popolare programma per la condivisione di file è stato chiuso in maniera permanente dalla Corte federale USA. Ma il bello è che è rinato quasi subito, come l’araba fenice. Andiamo con ordine: quattro anni fa la RIAA su mandato di 8 etichette discografiche ha fatto causa a LimeWire presso la Corte distrettuale di Sud New York con l’accusa di facilitare la violazione pervasiva della legge online. Nel maggio scorso il giudice federale Kimba Wood ha stabilito che LimeWire era colpevole di violazione di copyright. A questo punto la RIAA ha proposto due mozioni, una per la chiusura permenente […]

Tags: , , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

domenica, 25 luglio 2010

Il Partito del pirata crea il primo ISP “pirata”

pubblicato da: paolos in: Copyright, Normativa, Privacy

Il Pirate Partiet ha annunciato la nascita del primo fornitore d’accesso ad internet “pirata”. Come sappiamo il Partito ha ottenuto un seggio al Parlamento europeo alle elezioni del 2009 e in maggio aveva deciso di dare una mano a The Pirate Bay offrendo banda al sito che stava bighellonando in giro per l’Europa in cerca di sistemazione. Ora però il Partito si è mosso un pochino più in là e ha dichiarato di voler creare il primo fornitore d’accesso ad internet – PirateISP – di tipo commerciale per i residenti in Svezia. Ovviamente l’ISP avrà delle caratteristiche particolari, applicando la “filosofia hacker”: il […]

Tags: , , , , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

La Digital Economy Bill nel Regno Unito è stata definitivamente approvata dal parlamento del Regno Unito. Si tratta dell’ennesimo attacco alle libertà in rete dopo la legge dei 3 avvisi prima della disconnessione in Francia, di IPRED in Svezia e l’ormai famoso “Great firewall” in Cina. La nuova legge inglese è stata approvata dopo un processo legislativo veloce chiamato “wash-up” che si usa solitamente per licenziate testi che non sucitano opposizioni alla fine della legislatura. Forse non era la procedura adatta in questo caso, visto che di opposizione questa legge ne ha suscitata molta: 38 Degrees, Open Rights Group hanno organizzato l’invio […]

Tags: , , ,
| 1 Commento
TrackBack | Permalink

mercoledì, 17 marzo 2010

Storica sentenza: il p2p in Spagna è legale

pubblicato da: paolos in: Censura, Copyright, Normativa, Peer to peer

Dopo una battaglia legale lunga tre anni, un giudice di Barcellona ha emesso una sentenza che assolve un sito che riportava link ad un servizio di peer to peer. Il tribunale ha stabilito che inserire link su un sito è perfettamente legale, anche quando si tratta di collegamenti a file che contengono opere protette da diritto d’autore. La causa era stata intentata dalla SGAE (l’omologo spagnolo della SIAE), contro Jesús Guerra Calderón che gestisce il sito Elrincondejesus.com. La sentenza fa notare come Jesús non abbia “archiviato di sua iniziativa alcun file”, ma anzi il giudice ritiene “il sistema di link non […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

giovedì, 11 marzo 2010

Hadopi fa flop: in Francia aumenta la pirateria

pubblicato da: paolos in: Copyright, Normativa, Peer to peer

Nei primi mesi di applicazione della legislazione anti-pirateria “Hadopi” in Francia lo scambio illegale di file è cresciuto significativamente: un vero flop. La legge è stata approvata definitivamente a settembre, dopo un percorso legislativo piuttosto accidentato e prevede dopo tre richiami l’invio al giudice del colpevole di aver scaricato materiale coperto da diritti. L’intento della legge era quella di scoraggiare la pirateria,  ma i critici hanno sempre sostenuto che avrebbe invece invogliato gli utenti a trovare delle scappatoie. E così è stato. Secondo uno studio dell’Università di Rennes gli internauti francesi hanno infatti aumentato del 3% la quota di file […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

giovedì, 21 gennaio 2010

Il New York Times online parzialmente a pagamento dal 2011

pubblicato da: paolos in: Copyright, Informazione

E’ ufficiale: il New York Times ha annunciato che dal 2011 sarà in funzione un sistema di pagamento per i propri articoli online. Il sistema scelto è simile a quello attualmente adottato dal Financial Times che permette agli internauti di leggere 10 articoli liberamente al giorno e successivamente richiede un’abbonamento “flat” che permette l’accesso a tutto il sito. Il sistema individuato, “Sottolinea il valore di quello che facciamo” ha dichiarato Bill Keller, direttore esecutivo, “ovvero giornalismo professionale,  aggressivo e di cui i lettori si fidano: merce sempre più preziosa. Questo ci darà una seconda modalità per sostenere il nostro duro e […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

Se la Francia propone una legge Google per tassare i proventi delle pubblicità in rete, noi in Italia non ci facciamo mancare niente, grazie all’estensione dell’equo compenso SIAE a tutti i dispositivi di memorizzazione. Entrambi i provvedimenti dovrebbero andare a sostenere “chi produce opere d’ingegno”, ovvero i diritti d’autore. La proposta francese è contenuta in un rapporto della Commissione Zelnik che il Ministro della cultura francese Frédéric Mitterrand aveva istituito per cercare di migliorare l’offerta di beni culturali online e trovare formule efficaci di distribuzione dei contenuti. L’idea è quella di una trattenuta fiscale tra l’1 e il 2%, che potrebbe fruttare tra i 10 […]

Tags: ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

venerdì, 8 gennaio 2010

La pirateria digitale arriva agli eBook

pubblicato da: paolos in: Copyright, Libri

C’era da aspettarselo: con la diffusione di eBook reader come Amazon Kindle, B&N nook o Sony Reader la pirateria è arrivata in massa anche ai libri digitali. Già in settembre il caso del nuovo libro di Dan Brown aveva evidenziato il problema: The Lost Symbol pur avendo venduto nel primo giorno un milione di copie in USA, Canada e UK, si poteva trovare tranquillamente 24 ore dopo su The Pirate Bay e Scribd: in alcuni giorni è stato scaricato più di 100.000 volte. Le vendite di libri elettronici in USA è arrivata a 37 milioni di $ nel secondo trimestre […]

Tags: , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

mercoledì, 2 dicembre 2009

Google News limiterà l’accesso agli articoli a pagamento

pubblicato da: paolos in: Copyright, Google, Informazione

Google ha annunciato di aver modificato il proprio programma per l’indicizzazione dei contenuti editoriali a pagamento. Gli editori che fanno pagare agli utenti l’accesso a determinati articoli potranno ora scegliere tra due modalità che Google ha individuato come neutrali. Il programma chiamato Google First Click Free ha consentito fino ad ora al motore di ricerca di indicizzare tutti i contenuti dei giornali: il primo click da Google News è lasciato libero per i lettori che poi trovano la porta abbassata al secondo click effettuato sul sito del giornale. Da Google News però ciascun click viene però visto come primo click: potenzialmente un lettore […]

Tags: , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink

La Open Web Foundation, nata a luglio, è un tentativo di costruire un punto di raccordo per tecnologie web realizzate dalla comunità degli sviluppatori in modalità open source, portando nel mondo di protocolli e formati lo stesso approccio che già esiste per i software.  Creata sui modelli dell’Apache Software Foundation e di Creative Commons, vorrebbe facilitare la creazione di accordi legali per l’utilizzo di protocolli e formati, in modo che risultino semplici da usare, sicuri e sostenibili. Il tentativo è quello di fermare la proliferazione di una fondazione per ogni nuova tecnologia web che nasce, cercando di ottimizzare gli sforzi di tutti quelli […]

Tags: , , , , ,
| 0 Commento
TrackBack | Permalink
Pagina 1 di 3123